athos vivere di note

Era l'Ottobre del novanta quando per la prima volta incontrai Athos (Daniele Lotti) classe '54, era circondato da persone, si stava "esibendo" in una piazza, all'epoca passava molto tempo ad imitare Micheal Jackson, i suoi interessi erano due, il ballo e la musica.
Incominciò a suonare il pianoforte all'età di dieci anni per poi continuare gli studi al conservatorio di Mantova,infatti lui si trasferì a Vigevano in un secondo momento,l'infanzia la passò a Suzzara, la sua città natale.
Incominciò a scrivere canzoni già nei primi anni settanta, nel settantotto partecipò al "festival del mare" presentato da Pippo Baudo, da quell'esperienza nacque prima un trentatrè giri e poi con la casa discografica "Lady m" del sig. Mocchi un quarantacinque giri, nel settantanove partecipò ad un concorso milanese il "premio simpatia" dove conobbe Toto Cutugno, quella conoscenza lo motivò a partecipare l'anno successivo a Sanremo giovani vincendolo con il pezzo "vecchia storia".
La sua prima volta sul palco come cantautore risale all'otto Marzo del settantuno con la canzone "delusione d'amore" da allora ha sempre continuato a scrivere, ha dedicato totalmente la sua vita alla musica, subendone gli alti e bassi, successi e delusioni, la sua capacità artistica è risaputa tanto che quando Roberto Vecchioni è andato a suonare a Vigevano lui lo ha accompagnato al piano nell'esecuzione della sua canzone più famosa "luci a Sansiro".
attualmente suona nei locali con lo pseudonimo di lodanat e impartisce lezioni private.

more: 1_copia.jpg

30 images | slideshow

loading